martedì 21 marzo 2017

Di topi, gatti e avvocati.


Pruèrbi dål dì:

"'L è püsè méi un rat in bùcå å un gat, che un òm in mån d'un åvucàt: È meglio un topo in bocca a un gatto, che un uomo in mano d'un avvocato.
Il topo in bocca al gatto ha ancora speranza di salvarsi, mentre chi finisce nelle mani di un avvocato ci rimette, se non altro economicamente."

Da "Ål nòs diålåt" (2012). Ascoltalo!

venerdì 17 marzo 2017

Prezzi folli.


Mòd åd di dål dì:

"Ål cùstå ùnå bårbårità: Costa una barbarità.
Ha un prezzo altissimo, costa un occhio della testa. (Questo modo di dire è usato anche in Spagna:'costar una barbaridad')."

Da "Ål nòs diålåt" (2012). Ascoltalo!

giovedì 16 marzo 2017

Abbuffarsi di rabbia.


Pruèrbi dål dì:

"Å mångià ràbiå 's ingràså nò: A mangiar rabbia non s'ingrassa."

Da "Ål nòs diålåt" (2012). Ascoltalo!

mercoledì 15 marzo 2017

Attento esame.


Mòd åd di dål dì:

"Ål l'à spårlà me un öv: Lo ha sperato (esaminato attentamente) come un uovo."

Da "Ål nòs diålåt" (2012). Ascoltalo!

martedì 14 marzo 2017

Stretti a tavola.


Pruèrbi dål dì:

"‘L è méi stråt å mångià che largh å låurà: È meglio essere stretti a mangiare che larghi (comodi) a lavorare."

Da "Ål nòs diålåt" (2012). Ascoltalo!

lunedì 13 marzo 2017

In bolla.


Mòd åd di dål dì:

"‘L è pü in bùlå: Non è più in bolla, ha perso la sua lucidità. L’espressione è mutuata dal linguaggio dei muratori, per i quali l’”essere in bolla” significa essere perfettamente orizzontale."

Da "Ål nòs diålåt" (2012).

domenica 12 marzo 2017

La Cacciata dal Paradiso.


Åndùmå indré å quånd 'gh è cumincià tüt: ål Mónd, 'l Òm e lå Dònå... Ö tråspòst int ål nòs diålåt un poemetto che ål puétå diåletàl Angelo Secchi l'àvå scrit in påvéš: "La cacciata dal Paradiso", ùnå sòrtå åd Genesi diåletàl tårméntå divårténtå. L'è pütòst lóngå, pudì limitàv å sintìlå. Clichè chì: http://www.sannazzaro.com/cacciatadalparadiso.html

venerdì 10 marzo 2017

La donna-frutto.


Mòd åd di dål dì:

"L'è tütå då cåtà: È tutta da cogliere.
Si riferisce a persona simpatica con molte doti apprezzabili, quindi da 'cogliere' come un frutto gustoso."

Da "Ål nòs diålåt" (2012). Ascoltalo!