domenica 10 settembre 2006

Sån Müdåvìsi










R. M.

10 commenti:

  1. Car maestar,

    a men an par una duldra.

    un salut!

    la nona dlà susy

    RispondiElimina
  2. l'è propi vera...

    susy

    RispondiElimina
  3. No, siura Tilde, l'è un drasch (tordo) e as disa: "Al sufla me un drasch". Agh risulta?


    Saluti.


    R. M.

    RispondiElimina
  4. Dai che il primo giorno è andato, Susy!...


    Ciau.


    R. M.

    RispondiElimina
  5. Bona sira, maestar!

    Al ringrasi tantisim dì auguri!

    Pos no lamintam, so pusè tranquila!

    Lasuma perd la maturità...nu del'88 suma i prim a rifà l'esam come i nos genitur...con la rifurma vegia e la cumision esterna! No comment, eheh...

    A prest dala Rafa

    RispondiElimina
  6. Scusate ma è qualche dialetto italiano??? a me sembra piuttosto una lingua incomprensibile con tutto quegli strani accenti...io sugnu sicula cmq :D

    RispondiElimina
  7. Sì, è un dialetto della Lomellina, in provincia di Pavia. L'accentazione adottata rende difficile la lettura anche a chi conosce questo dialetto, figuriamoci a dei siciliani...Comunque, grazie della visita!


    R. M.

    RispondiElimina
  8. Ma ciao! Ho letto del vostro blog sul "Tam Tam" e lo trovo un'idea fantastica! Vi linko seduta stante! Da buona lomellina non potevo fare altro che cominciare a frequentarvi!

    E già, mi so ad Lumé!

    Ciao!

    RispondiElimina
  9. Grazie, haidee! Speriamo che in Lomellina il blog venga seguito (nonostante la micidiale accentazione...): abbiamo bisogno del contributo di chi conosce bene i nostri dialetti lomellini!...


    R. M.

    RispondiElimina
  10. io non conosco benissimissimo, ma faccio del mio meglio! Se vi posso essere utile son qua!

    RispondiElimina